Le Film de mon père

Le Film de mon père

Il regista Jules Guarneri è cresciuto a Villars tra i suoi fratelli adottivi in uno chalet regolarmente infestato dal fantasma della madre. Suo padre, capo e custode degli chalet di famiglia, si filma quotidianamente e consegna a Jules la sua eredità cinematografica con l’istruzione di trarne il suo primo film. Inizia così un viaggio difficile, intimo e a tratti piacevole nell’indipendenza di Jules.

LE FILM DE MON PÈRE diventa alla fine un film molto diverso da quello immaginato dal padre. Jules Guarneri getta uno sguardo empatico e riflessivo su questo materiale familiare un po’ nevrotico e compie con umorismo un parricidio simbolico sul tagliere. Il ritratto di famiglia che ne deriva è stato presentato in anteprima mondiale al Vision du Réel, dove ha ricevuto il Premio della Giuria.

Je Suis Noires

Je Suis Noires

In Svizzera, terra di neutralità, si levano voci nuove e sconosciute. Voci di donne che lottano per il riconoscimento del razzismo strutturale, che decostruiscono gli stereotipi e che rivendicano la loro doppia identità di svizzere e nere. È in questo contesto che Rachel M’Bon, una giornalista svizzero-congolese, inizia la ricerca della sua identità. Nel suo cammino verso l’emancipazione, mette in discussione il suo passato e il suo presente, tendendo uno specchio al suo Paese e ai suoi/sue coetanei/e.

La determinazione con cui Rachel M’Bon affronta il suo passato è la forza di questo film, che rappresenta un passo importante verso l’apertura di un discorso troppo a lungo represso. Insieme alla regista Juliana Fanjul, la giornalista svizzero-congolese interroga il suo Paese e ritrae sei protagoniste. Ognuna di loro racconta una storia che riflette il suo personale percorso di liberazione.

Presentiamo il film in combinazione con il cortometraggio ETHEREALITY di Kantarama Gahigiri
Bloccato nello spazio per 30 anni. Come ci si sente a tornare finalmente a casa? Una riflessione sulla migrazione e sul senso di appartenenza.

Kantarama Gahigiri è una regista svizzero-ruandese. Nel 2004 ha vinto il prestigioso premio Fullbright e si è trasferita a New York dove ha completato il suo master in cinema. Il suo primo lungometraggio TAPIS ROUGE è stato proiettato e premiato in tutto il mondo.

Partner di promozione
Voie F | Gender Campus | #cine

Mediterranean Fever

Mediterranean Fever

Un’improbabile amicizia sul Mediterraneo: Waleed (40) sogna una carriera da scrittore. Vive con la moglie e i figli ad Haifa e soffre di depressione. Il nuovo vicino, un piccolo criminale, porta un po’ di luce nella routine quotidiana e i due uomini diventano amici. Ma Waleed ha progetti ben diversi. Un piano segreto dei due si trasforma in un viaggio pieno di incontri oscuri.

Maha Haj dipinge un ritratto sensibile dell’esistenza palestinese in questo thriller-dramma umoristico. Spinge il personaggio immaginario Waleed agli estremi, riflettendo sullo stato di un’intera società.

Rassegna stampa
Un equilibrio tra commedia e dramma grintoso.
The Hollywood Reporter

Un misto di commedia, thriller e studio dei personaggi. Ad Haifa, un’improbabile amicizia tra due vicini di casa è la base per una nuova esplorazione della mascolinità e della salute mentale.
Screendaily

Una commedia nera piena di sorprese.
Cineuropa

A E I O U – L’alfabeto veloce dell’amore

A E I O U – L’alfabeto veloce dell’amore

Lei pensava che non le sarebbe mai più successo.
Lui non sapeva nemmeno che esistesse una cosa così.
Una donna, un ragazzo e una storia d’amore impossibile.

Anna (Sophie Rois) ha 60 anni, vive da sola a Berlino Ovest e ha lasciato da tempo alle spalle la sua carriera di celebre star della recitazione. Adrian (Milan Herms) ha 17 anni e ha rubato la borsa di Anna per strada. Normalmente, due persone così diverse probabilmente non si incontrerebbero una seconda volta, ma il destino ha altri piani. Anna, che a parte il suo vicino Michel (Udo Kier) non ha praticamente nessun contatto sociale, viene convinta a diventare una voice coach e a dare lezioni a un giovane con un difetto di pronuncia. E la fortuna vuole che il suo nuovo allievo non sia altro che Adrian.

In AEIOU, Nicolette Krebitz disegna una relazione che non solo sorprende con molta tenerezza e un tratto di mano selvaggio e poetico, ma che trasforma entrambi i personaggi in individui integri, capaci di auto-apprendere l’uno dall’altro. Nessuno dei due si sente in colpa, nessuno dei due sente vergogna, ambedue sentono amore e tuttavia sono pienamente se stessi, soli insieme ma non nello sconforto che solitamente è insito in questa frase. Al contrario, è un coraggio selvaggio e imprevedibile che si erge sopra tutto e che guida lo sviluppo del personaggio. Axel Timo Purr, Artechock