Le film de mon père

Le film de mon père

Il regista Jules Guarneri è cresciuto a Villars, tra un fratello e una sorella adottiva, in uno chalet infestato dal fantasma della madre, morta quando lui aveva vent’anni. Il padre, padrone e guardiano degli chalet di famiglia, trasmette la sua eredità cinematografica al figlio, chiedendo a lui di realizzare il suo primo film. Jules decide di utilizzare questa situazione come un’opportunità per staccarsi dal padre. Così inizia un viaggio complesso, intimo e divertente verso l’indipendenza.

Je Suis Noires

Je Suis Noires

In Svizzera, terra di neutralità, si levano voci nuove e sconosciute. Voci di donne che lottano per il riconoscimento del razzismo strutturale, decostruiscono gli stereotipi e confessano la loro doppia identità di svizzere e nere. È in questo contesto che Rachel M’Bon, una giornalista svizzero-congolese, inizia la sua ricerca di identità. Sulla via della liberazione, mette in discussione il suo passato, il suo presente e tiene uno specchio davanti del suo Paese e dei suoi coetanei. 

Mediterranean Fever

Mediterranean Fever

Un’improbabile amicizia sul Mediterraneo: Waleed (40) sogna una carriera da scrittore. Vive con la moglie e i figli ad Haifa e soffre di depressione. Il nuovo vicino, un piccolo criminale, porta un po’ di luce nella routine quotidiana e i due uomini diventano amici. Ma il vicino ha progetti ben diversi. Un piano segreto dei due si trasforma in un viaggio pieno di incontri oscuri.

A E I O U – Il veloce alfabeto dell’amore

A E I O U – Il veloce alfabeto dell’amore

Anna (Sophie Rois) ha 60 anni, vive da sola a Berlino Ovest e ha lasciato da tempo alle spalle la sua carriera di celebre star della recitazione. Adrian (Milan Herms) ha 17 anni e ha rubato la borsa di Anna per strada. Normalmente, due persone così diverse probabilmente non si incontrerebbero una seconda volta, ma il destino ha altri piani. Anna, che a parte il suo vicino Michel (Udo Kier) non ha praticamente nessun contatto sociale, viene convinta a diventare una voice coach e a dare lezioni a un giovane con un difetto di pronuncia. E la fortuna vuole che il suo nuovo allievo non sia altro che Adrian.

Becoming Giulia

Becoming Giulia

Giulia Tonelli, prima ballerina del Teatro dell’Opera di Zurigo, rientra dal congedo di maternità. Passo dopo passo, trova l’equilibrio tra il mondo competitivo ed esigente di una compagnia di balletto d’élite e la sua nuova vita familiare. Il film si addentra nel microcosmo della grande compagnia d’opera dal 2019 al 2021 e getta uno sguardo intimo e coinvolgente sul viaggio di una donna che recupera il suo corpo, e con esso se stessa, per tornare sul palcoscenico.

Indes Galantes

Indes Galantes

Può una nuova generazione di artiste conquistare la Bastiglia oggi? Per la prima volta, 30 ballerine reinventano insieme il capolavoro barocco di Rameau «Les Indes Galantes». Nessuna di esse ha una formazione classica, sono tutte maestre di krump, break, popping e voguing. Si tratta di una prima per il regista Clément Cogitore e il coreografo Bintou Dembélé. Si tratta di una prima assoluta per l’Opera di Parigi, che unisce la danza urbana e il canto lirico in un dialogo vivace e colorato. Dalle prove alla prima, seguiamo l’avventura della danza e le sue sfide.

INDES GALANTES è un film toccante e vibrante, che emoziona sotto ogni aspetto: artistico, umano e politico. Il documentario mostra la dimensione collettiva di questo progetto toccante, e allo stesso tempo la camera dà lo spazio ai protagonisti individuali per esprimere i loro sentimenti e per mostrare che hanno messo il loro cuore e la loro anima in questo lavoro. I cantanti e i ballerine si muovono in mondi diversi e la forza di quest’opera cinematografica è quella di farci vedere come possiamo far cadere le barriere tra questi mondi e ammirarci tutti a vicenda.

 

 

My Sunny Maad

My Sunny Maad

Quando Herra, una giovane ceca, s’innamora di Nazir, un afgano, non ha idea di che tipo di vita l’aspetta nell’Afghanistan post-talebano del 2011. Nella famiglia in cui si integra, c’è il nonno liberale, l’intelligentissimo figlio adottivo Maad e la cognata Freshta, che farebbe di tutto per sfuggire alla morsa violenta del marito.

MY SUNNY MAAD colpisce dritto al cuore. Con sensibilità e umorismo, vediamo come una struttura familiare si riordina. È un film forte, umano, che purtroppo acquista ogni giorno più importanza a causa degli attuali eventi in Afghanistan. La riuscita combinazione di una bella animazione e di una storia coinvolgente non delizierà solo i fan dell’animazione. MY SUNNY MAAD ha già vinto numerosi premi della giuria, tra cui quella di Annecy, ed è stato nominato per un Golden Globe.

Commento della pressa
«Questo film implacabilmente struggente merita grande attenzione. Con un mix di muto realismo magico e crude verità senza filtri, Pavlátová affronta la posizione vulnerabile delle donne in una società strettamente patriarcale.»
Carlos Aguilar, New York Times

«Gli eventi attuali in Afghanistan fanno venire voglia di vedere questo film potente e umanistico, che ha vinto il premio della giuria ad Annecy.»
Alissa Simon, Variety

«Con i suoi grandi occhi tristi e il suo teschio sovradimensionato, Maad è un po’ diverso dagli altri bambini. Incarna l’umanità, la tolleranza, l’amore e la speranza che sono al centro di questa storia affascinante e sensibilmente realizzata.»
Wendy Ide, Screendaily

«Un’osservazione acuta e profonda di una donna che ha bisogno di cambiare la sua idea di cosa sia una relazione, mentre incoraggia la libertà di scelta di tutti gli altri.»
Vassilis Kroustallis, Zippy Frames

Partner di promozione
HSLU Design & Kunst | FIFDH | AsyLex | Brava (ehem. Terre des femmes) | Amnesty International Ticino | Seebrücke Schweiz | CzechIN Zürich | Český Klub Zürich | Botschaft der Tschechischen Republik in Bern

Deux

Deux

Nina e Madeleine hanno vissuto porta a porta all’ultimo piano per decenni. Tutti, compresa la famiglia di Madeleine, pensano che siano semplicemente dei vicini. Vanno e vengono tra i loro due appartamenti, godendo e condividendo insieme i piaceri della vita quotidiana, fino a quando un evento imprevisto sconvolge la loro relazione. Questo evento porta la figlia di Madeleine a rivelare gradualmente la verità sui due amici.

« commovente tributo alla capacità dell’amore » Variety

Interview Philippo Meneghetti CNC

DE LA CUISINE AU PARLEMENT – ÉDIZIONE 2021

DE LA CUISINE AU PARLEMENT – ÉDIZIONE 2021

La strada dalla cucina al parlamento è stata lunga e difficile per le donne svizzere – quattro generazioni hanno dovuto lottare perché l’elettorato maschile concedesse alle donne il diritto alla codecisione politica. Il documentario DE LA CUISINE AU PARLEMENT – EDIZIONE 2021 di Stéphane Goël traccia questo percorso con sensibilità e umorismo.

Politici, attivisti e esperti come Elisabeth Kopp, Ruth Dreifuss, Tamara Funiciello, Marina Carobbio, Amélie Christinat, Marthe Gosteli, Gabrielle Nanchen, Patricia Schulz, Brigitte Studer e Simone Chapuis-Bischof descrivono la loro lotta per la causa egualitaria. Completato da ricche immagini d’archivio, in cui anche i cittadini comuni hanno voce in capitolo e che riflettono il cambiamento di mentalità avvenuto nel corso di un secolo.

Il film dell’anniversario del cinema per la parità dei diritti – un’intuizione divertente e profonda sulla lotta per il suffragio femminile.

Partner ufficiali della promozione
nateil14giugno | Castellinaria Festival del Cinema giovane | Film Festival Diritti Umani Lugano | Fondazione Diritti Umani Lugano | Amnesty International Ticino | Coordinamento donne della sinistra | Federazioni Associazioni Femminili Ticino Plus | GISO Ticino | Associazione Cultura Popolare

Der Ast, auf dem ich sitze

Der Ast, auf dem ich sitze

Un paradiso fiscale in Svizzera, una lotta a metà strada contro gli evasori fiscali in Germania, un paese africano un tempo ricco che è stato condotto nel baratro dai prezzi delle materie prime sul mercato mondiale: Quello che a prima vista sembra non avere nulla a che fare con l’altro è sinonimo di un sistema economico globale che determina tutta la nostra vita – e il regista si trova proprio nel mezzo.